Vi genero perché sono vostra Madre

Solennità di Maria Santissima, Madre di Dio

Messaggio della Madonna

“Carissimi figli,

vi auguro Buon Anno, un anno pieno di Dio e della sua pace. Figlioli, un nuovo anno che inizia è come una grande pagina bianca dove Dio scriverà ancora una volta la vostra storia e la storia dell’umanità di questa Terra. Io desidero che in quest’anno i miei figli entrino sempre di più nella profondità del cammino cristiano.

Io sono vostra Madre e vi genero continuamente e ho ancora tanti figli da generare. Questo è il mio compito: portare nel mio Cuore tanti figli per generarli a Dio. Ho sempre fatto questo e sempre lo farò fino alla fine dei giorni.

San Michele guiderà tutti i popoli che io ho radunato nel mio seno. Tutti i popoli che ho generato col mio amore San Michele li porterà a mio Figlio, ma sono io che vi genero perché sono vostra Madre. Vi chiedo di permettermi di generarvi.

Figlioli, il mondo entra sempre di più nel frastuono, nel chiasso interiore ed esteriore, in una grande confusione. In mezzo a tutto questo, il popolo di Dio deve risplendere ed entrare sempre di più nel silenzio divino. È nel silenzio che Dio crea la vostra vita. Non dico che non dovete parlare, anzi, voi dovete continuare ad annunciare la salvezza ma non con il frastuono del mondo, con le grandi opere o con i grandi proclami, bensì con le parole che escono dalla pienezza del vostro cuore, da uno spirito sempre puro e sempre nuovo.

Se date a me la vostra vita, io vi rigenererò continuamente. Allora le vostre parole saranno parole di vita che sgorgano fresche, come una sorgente sempre viva. Perciò vi invito ad approfondire nel silenzio il vostro cammino, facendo tesoro di tutti gli insegnamenti che vi sono stati dati, come già vi ho spiegato.

Il popolo di Dio crescerà in tutto l’universo perché nessuno può più fermarlo, e accadrà lo stesso sulla Terra. Ci sono molti figli sulla Terra che aspettano un segnale per risvegliarsi. Perciò ho bisogno di tutti gli strumenti come ciascuno di voi, come la Fondazione e come tutto questo popolo, che risveglino i miei figli e li portino a me affinché io li porti a Dio. Vi prego dunque di affiancarmi in questa mia opera.  Per questo, figlioli, vi ripeto: non gettatevi nelle attività esteriori, non fate come i farisei che percorrevano migliaia di chilometri per fare proseliti[1] e poi non hanno riconosciuto mio Figlio.

Vi chiedo di essere sempre più uniti a me, di andare avanti con sicurezza, nel silenzio, nella verità, nell’amore e nella pace di Dio; di fare quelle poche cose che realmente servono. Non servono tante cose, serve la potenza dello Spirito Santo, ed io vi invito a cercare questa potenza insieme a me. Io vi preparerò perché l’evangelizzazione della Terra proceda secondo la volontà di Dio. Vi plasmerò come una madre prepara la figlia per le nozze, l’addobba e la veste di vesti lucenti. Così faccio io con il mio popolo: lo preparo per le nozze con il Re dei re.

Il Signore non verrà prima che io abbia partorito tutti i figli che devo partorire; lo farò con il vostro aiuto. State vicini a me ed io starò vicina a voi. Vi manderò gli angeli, perché il Signore mi ha concesso la grazia e il potere di mandarli dove voglio.

Tenetevi uniti a me, a San Michele e a tutti gli strumenti straordinari. Andate avanti con semplicità ma con tutta la forza dello Spirito.

Vi benedico, nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo”.

[1] Cfr. Mt 23, 15

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi