La venuta gloriosa di Gesù Cristo e l’ingresso del popolo nella creazione nuova

Introduzione

L’evento delle apparizioni della Madonna a Medjugorje è conosciuto in tutto il mondo e ha coinvolto moltissime persone. Il 24 giugno 1981, la Madre di Dio si è presentata al mondo come Regina della Pace e da allora appare ogni giorno. Lo testimoniano sei veggenti i quali, tra l’altro, affermano che queste sono le ultime apparizioni mariane sulla Terra.

Partendo da questi dati, possiamo concludere che la Madonna è presente in mezzo a noi e ci offre le grazie particolari per questo tempo, nel contesto in cui  si muove l’umanità. È quindi ragionevole e lecito riflettere su tale argomento, porsi delle domande e, soprattutto, rispondere all’invito della Regina della Pace.

In quest’anno 2018, a Medjugorje sono accaduti due eventi particolari: 

  1. il 20 maggio abbiamo proclamato l’esistenza e l’opera della “Chiesa di Gesù Cristo di tutto l’universo” una, santa e apostolica. Vi abbiamo comunicato i messaggi-testimonianza del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, giunti attraverso Stefania Caterina. Vi abbiamo portato anche la testimonianza del popolo della Fondazione “Fortezza dell’Immacolata”, che si fonda sull’offerta incondizionata della vita attraverso il Cuore Immacolato di Maria, dopo anni di cammino guidato dalla Regina della Pace.
  1. Pochi giorni dopo, il 31 maggio, il Papa ha nominato Mons. Henryk Hoser, vescovo emerito polacco, quale visitatore apostolico a carattere speciale per la parrocchia di Medjugorje, a tempo indeterminato. Un incarico esclusivamente pastorale, volto ad accompagnare la comunità parrocchiale e i pellegrini. Ciò significa che la missione di Mons. Hoser non entra nelle questioni dottrinali circa le apparizioni. Egli stesso ha più volte dichiarato di non poter esprimere alcun giudizio circa le apparizioni di Medjugorje, in quanto ciò non rientra nel suo incarico. 

La parola definitiva, circa le apparizioni di Medjugorje, spetta al Papa. A lui è stata consegnata già da tempo la relazione finale della commissione che ha indagato sui fatti di Medjugorje. Da quanto si sa in via ufficiosa, la commissione avrebbe ritenuto valide solo le prime sette apparizioni della Madonna. Da tutto questo si evince che la Chiesa ufficiale non ha dato una risposta chiara all’EVENTO di Medjugorje; sembra anzi che lo abbia messo tra parentesi, lasciando forse che su di esso scenda l’oblio del tempo col trascorrere di anni o forse di secoli.

Al contrario, noi non vogliamo dimenticare ciò che la Madre di Dio ha fatto attraverso le apparizioni di Medjugorje. Non vogliamo che si spenga la memoria di quell’avvenimento che ha segnato una tappa importantissima nella storia dell’umanità. Pertanto, attraverso questo ciclo di riflessioni, cercheremo di informarvi meglio sull’evento Medjugorje, anche alla luce di ciò che ci è stato rivelato in tanti anni. Ci rivolgiamo a voi e a quanti sono certi dell’autenticità delle apparizioni di Medjugorje; a quanti ci hanno seguito in questi anni e credono nell’esistenza della Chiesa di Gesù Cristo di tutto l’universo e vogliono dare risposta alla verità. 

Vi presenteremo, in diverse puntate, alcuni avvenimenti che hanno coinvolto e coinvolgono oggi la Chiesa della Terra e tutta l’umanità. Cercheremo di darvi un quadro di riferimento per il vostro personale discernimento e per la vostra risposta a Dio.  In ogni tempo e in tanti luoghi, Dio ha mandato a noi sua Madre, Maria Santissima; in ogni tempo Dio ha chiesto la piena collaborazione a questa grazia da parte della Chiesa e dell’umanità. Cominciamo dunque la nostra riflessione.

Parte prima

Il quadro degli eventi

“Dalla venuta di Gesù Cristo ad oggi sono avvenuti molti cambiamenti nell’universo. La prima fase va dalla Pentecoste fino al grande Giubileo proclamato dalla Chiesa cattolica nell’anno 2000, con il quale è iniziato il terzo millennio della vostra storia, secondo il calendario della Terra. Questa fase ha visto il consolidamento della Chiesa della Terra e la diffusione del cristianesimo sul vostro pianeta.

La seconda fase è tuttora in corso; è iniziata nell’anno 2000 della Terra e terminerà con la venuta gloriosa di Cristo e con l’ingresso del popolo di Dio nella nuova creazione. In questa fase Dio ha impresso e sta imprimendo un impulso sempre più forte alla sua azione. L’intero universo si sta indirizzando verso l’avvenimento che segnerà la fine dei tempi e l’inizio della creazione nuova: il ritorno glorioso di Cristo”.

Nel messaggio della Madonna del 25 maggio 2013 a Stefania Caterina, la Madonna ha sintetizzato in poche parole lo scopo delle sua apparizioni:

“Carissimi figli, desidero approfondire con voi il piano di Dio di cui ho parlato in molte delle mie apparizioni, particolarmente a Medjugorje. È un piano che ha origine dall’eternità, dal momento in cui è stato commesso il peccato originale (Gen 3). Da quel momento, infatti, Dio ha messo in atto il suo piano per ricapitolare in Gesù Cristo ogni cosa, al fine di salvare tutta l’umanità e ricondurla a sé”.

Nello stesso messaggio, la Madre afferma che le sue apparizioni a Fatima e quelle a Medjugorje sono strettamente legate fra loro. E aggiunge: “Rimarrò con voi fino a quando i cuori dei cristiani si apriranno, almeno in parte, a comprendere la realtà dell’universo così come è in Dio; fino a che la Chiesa non si avvierà verso la proclamazione di questa verità. Se questo avverrà, le mie apparizioni termineranno. Se non avverrà le mie apparizioni termineranno ugualmente perché, a quel punto, non avrò più nulla da dirvi oltre a ciò che vi ho detto lungo i secoli. Le apparizioni di Medjugorje sono le mie ultime apparizioni sulla Terra, non ce ne saranno altre”.

Per ora ci fermiamo qui. Proseguiremo la nostra riflessione per sviluppare ulteriormente questo quadro storico. Nel frattempo lasciamo alla vostra riflessione il messaggio della Madonna a Stefania Caterina del 6 gennaio 2017, dal quale emerge con chiarezza il nostro percorso. Non è qualcosa di nuovo, è il percorso cristiano di tutti i tempi ma che oggi più che mai diventa obbligatorio, di fronte alla situazione inquietante in cui versa la nostra umanità.

Vi accompagniamo come sempre con la nostra preghiera e benedizione.

Tomislav Vlašić e Stefania Caterina

6 gennaio 2017 – Messaggio della Madonna – Solennità dell’Epifania del Signore, Finale Ligure

Partecipate alla mia offerta ed io parteciperò alla vostra

“Miei cari figli,

desidero stare con voi oggi perché comincia un tempo molto forte per il popolo di Dio. Ieri vi sono state dette le cose che sono importanti ed io non le ripeterò. Voglio invece dirvi che vi amo e che vi sono accanto. Ogni passo che farete, lo farete con me.

Gesù vuole manifestarsi come l’unico Salvatore dell’umanità. Lo ha già fatto una volta nella carne ma non è stato accolto. Dio però non lascia a metà la sua opera, perciò Gesù tornerà a manifestarsi e questa volta lo farà nella gloria. Né il peccato né la morte potranno nulla contro di Lui.

Il suo popolo deve anticipare la sua manifestazione come è avvenuto per me. Prima che Gesù si manifestasse apertamente al popolo d’Israele, si è manifestato nel mio seno dove ha cominciato a vivere e ad agire. Giovanni Battista lo ha sentito nel mio seno. Quando l’ho mostrato ai fratelli venuti dall’universo, quelli che chiamate Re Magi, io non ho fatto altro che compiere la mia missione: manifestare mio Figlio a tutta l’umanità. Così avevo già fatto con i pastori, il primo nucleo sulla Terra cui Gesù si è manifestato, un popolo piccolo e umile.

Oggi deve accadere la stessa cosa nel popolo: io vi manifesto Gesù perché voi lo manifestiate ad altri. Lo dovete mostrare prima di tutto nel vostro seno e nel seno di questo popolo perché è qui che Gesù desidera manifestarsi. Mio Figlio ha detto che dal vostro intimo scaturiranno fiumi di acqua viva1 . È Lui il fiume della vita e voi lo dovete manifestare agli altri. Io conto su di voi perché generiate insieme a me il Figlio di Dio e lo mostriate al mondo così come io l’ho mostrato ai pastori e lo mostriate all’universo come io l’ho mostrato ai Magi.

I re portavano doni agli altri re. Questa era l’usanza del tempo. Tutti voi dovete portare doni al Re dei re. Il dono più grande che Gesù si aspetta da voi è la vostra vita. Nella vostra vita c’è tutto: la fede, la speranza e l’amore. Dio si aspetta questo da voi e anch’io mi aspetto questo.

Io vi trasmetto continuamente l’amore di Gesù. Sappiate, figlioli, che nessuna creatura ha in sé l’amore puro se non lo riceve in dono da Dio. Dovete chiedere a Gesù che vi doni il vero amore. Non partite con il vostro amore umano. Satana agirà con tutto il suo odio, perciò il popolo dovrà agire con tutto l’amore di Gesù. Gesù ha dato la vita per il suo popolo e non c’è un amore più grande di questo. Se darete la vita a Dio per i vostri fratelli nessuna forza delle tenebre potrà sconfiggervi.

Io vi sarò accanto, pregherò e mi offrirò per voi perché il mio Signore vi riempia del suo amore. Date a me tutte le vostre preghiere, le vostre intenzioni, i vostri pensieri e i vostri desideri; io li ripulirò da ogni egoismo e li presenterò a Dio e chiederò solo quello che è meglio per voi. Vi prego di partecipare alla mia offerta ed io parteciperò alla vostra. Io sono la vostra Madre e la Madre di Dio e voglio portarvi tutti nel cuore di mio Figlio perché Egli vi porti nella creazione nuova.

Vi benedico con tutta la potenza che Dio mi dà per voi insieme a San Giuseppe, che è sempre al mio fianco e intercede insieme a me per voi, nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo”.

1 Cfr. Gv 7, 37-38

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi